Evelina Santangelo
Biografia Parole stampate Parole recitate Parole cantate Rassegna Press Riflessioni News Contatti Narrazioni in viaggio
Parole recitate
Il Viaggio di Alice
Amici per le palle
Trama
Nota dell'autrice
Amici per le palle
Inizio del monologo
Inizio del monologo
(2/2)
Allora… daccapo… (Infila la mano dentro il sacco e tira fuori un foglietto. Guarda il pubblico)… Marx (Legge): «Comprendere non significa, come intende Hegel, riconoscere le determinazioni del concetto logico, quanto, piuttosto, afferrare la logica propria dell'oggetto particolare» (Butta a terra il foglietto)… dell'oggetto particolare, certo. (Riprende il foglietto da terra, torna a osservarlo) Dell'oggetto… particolare… Quella cosa lì, insomma. Quella cosa lì che… (Si china e poggia il foglietto a terra).

(Si rialza e fa qualche passo toccando con la punta del piede i fogli sparsi sul pavimento, poi quel foglio lì. Si ferma e alza gli occhi verso il pubblico).

Sì perché… arriva un momento nella tua vita… un momento particolare… che so, incontri uno che non vedevi da anni… che eravate amici vent’anni prima, e adesso è… è come una cosa persa nel mondo… uno che, se non eravate amici una mezza vita fa, neanche te ne accorgevi che stava lì a un passo da te… inscatolettato e pressato… che so, al semaforo… arriva quel momento lì e tu ti chiedi: «Com’è possibile, com’è possibile che quello…» perché non era così, dopotutto, che doveva andare… insomma arriva un momento in cui dici: «Ci deve essere un modo per capirci qualcosa… della mia vita almeno! Ci deve pur essere!» Così ricominci a cercare… Mi son fatto un sacco grande così di roba (guarda i libri, le pile di carte affastellate, il sacco)… Fi-lo-so-fia, a forza di cercare, cercare, e improvvisamente: tac (infila la mano in tasca, nella tasca sinistra dei pantaloni, e tira fuori un foglietto piegato, lo apre per bene, legge): Gilbert Ryle: Espressioni sistematicamente fuorvianti, 1931-1932: «Nulla è al tempo stesso una mucca e carnivoro»… «Nulla è al tempo stesso una mucca e carnivoro»! Ti imbatti in una frase così e lo capisci subito. «Oh, qui si parla di me, — ti dici. — Oh, qui si parla proprio di me!». E wum! Ti si scatenano nel cervello tutte le domande che ti dormivano dentro, ti russavano dentro da anni… Un baccano nella testa! E in mezzo a tutto quel baccano… «Nulla è al tempo stesso una mucca e carnivoro»… «Nulla è al tempo stesso mucca e carnivoro»… (Ripiega il foglietto per bene e lo rimette nella tasca sinistra). Chiaro, no? Più chiaro di così! Mucca… erbivoro… leone… carnivoro, quindi il leone non è una mucca… e, viceversa, la mucca non è un leone, certo… E la tigre? Carnivoro. E la pecora? Erbivoro… Più chiaro di così! …Sì, però… però… il maiale? Il maiale è onnivoro, no?… quindi, domanda: il maiale è anche una mucca? …Che non è una domanda da poco! Non è una domanda così. (Guarda la gabbia appesa al soffitto)… Perché poi salta fuori che anche i criceti sono onnivori. Sono anch'essi delle mucche, i criceti? Mucchine? …È una domanda… una domanda… ti ci giochi la vita su domande del genere…

…Sì perché, la mia storia di essere pensante e conoscente e… tutta la mia storia è iniziata… con un criceto, appunto…

Dico, li avete presente i criceti, no? Quegli animaletti… piccoli… che stanno (Guarda la gabbia)… e hanno musi da coniglio… baffi da gatto… facce insonni da topi… peli da leone… code… da… da mucca… stomaco da maiale, che mangiano come porci… piccoli… ma pur sempre porci… Fosse iniziata, che so, con un cane: cane uguale carnivoro: chiaro, no? lampante, facile. Testa da cane, zampe da cane, muso da cane… Ma iniziare con un criceto è una cosa… che ti confonde, ti sparpaglia, ti polverizza le idee, ecco.

E poi ti mette un'ansia dentro…
top     << 2/2 >>
Privacy Policy