Evelina Santangelo
Biografia Parole stampate Parole recitate Parole cantate Rassegna Press Riflessioni News Contatti Narrazioni in viaggio
Parole Stampate
Non va sempre così
Cose da pazzi
Senzaterra
Il giorno degli orsi volanti
Anticipazioni
Parola d'autrice
Amicizie pericolose
La lucertola color smeraldo
L'occhio cieco del mondo
Pesci
Deandreide
Ragazze che dovresti conoscere
Principesse azzurre
Disertori
La realtà nelle parole
I racconti delle fate sapienti
Dieci decimi
FAQ Domande e risposte sulla narrazione
Liberare il futuro
Cura
Vincenzo Rabito - Terra matta
Traduzioni
Tom Stoppard - Rock 'n' Roll
Sam Savage - Firmino. Avventure di un parassita metropolitano
Il giorno degli orsi volanti
Presentazione Libro

Il Biondo viene dall'Est e ha un passato di quelli che ti segnano per sempre: lo tiene a bada come può, adesso che è approdato nel Sud di un altro mondo.
Il Biondo ha soprattutto un segreto: lo nasconde nel suo garage e lo nutre, letteralmente, ogni giorno. Forse prima o poi quel suo sogno spropositato darà spettacolo in piazza, "che ne parleranno tutti".
E quando gli orsi voleranno davvero tutto sarà di nuovo possibile, in questo libro che mescola buio e luce in un impasto nuovo. Perchè dal cuore stesso del tragico, come in un quadro di Chagall o in un film di Kusturica, può sprigionarsi il fiabesco.


Jon Scripcaru, il Biondo, è uno straniero, un immigrato, giunto da un indefinito paese dell'Est europeo in un'altrettanto indefinita terra del Sud d'Europa (la Sicilia?)

Ha un passato fatto di affetti devastati per le ritorsioni di un regime che il padre ha provato a combattere, una galleria d'immagini dure acquattate in fondo al cervello (mucche appese, villaggi spettrali, cave popolate di bambini curvi sotto carichi abnormi...), conduce una vita modesta, da manovale che si accontenta e sta zitto. Come casa ha un garage occupato abusivamente, e dentro questo garage tiene al riparo da sguardi indiscreti "un segreto".

Ogni sera si trascina una piattaforma di legno sino al mercato. Tra i tendoni rosso-arancio (che evocano quelli dei mercati storici palermitani), la carica di montagne di avanzi sotto gli sguardi sempre più increduli e inquieti dei commercianti. Poi, inseguito da un nugolo scalmanato di bambini, torna al suo garage, a nutrire, letteralmente, un sogno spropositato: un gigantesco orso bruno, portato fin lì, non si sa come, dal suo paese, e da lui addestrato perché faccia miracoli, pedalando su una bicicletta costruita apposta per la sua stazza.

Come accade tutte le volte che l'ignoto, l'inverosimile, lo straniero chiede cittadinanza in un luogo, il sogno strambo di Jon - alimentato dal più ammaliante ricordo che lui è riuscito a salvare dal suo passato - è però destinato a misurarsi con un universo di reazioni imprevedibili in cui, incredibilmente, s'insinua a poco a poco un desiderio, più o meno condiviso, di rivalsa.

Quel gesto atletico meraviglioso, perseguito con tenacia, diventa infatti sempre più una promessa di riscatto per tutti.

Il giorno degli orsi volanti
Guarda il promo
Data pubblicazione
2005
Editore
Einaudi
Collana
L'Arcipelago
ISBN
88-06-17603-X
Pagine
213
Prezzo
€ 12,80
Privacy Policy