Evelina Santangelo
Biografia Parole stampate Parole recitate Parole cantate Rassegna Press Riflessioni News Contatti Narrazioni in viaggio
Parole Stampate
Non va sempre così
Cose da pazzi
Senzaterra
Il giorno degli orsi volanti
La lucertola color smeraldo
Anticipazioni
Curiosità
Parola d'autrice
L'occhio cieco del mondo
Pesci
Deandreide
Ragazze che dovresti conoscere
Principesse azzurre
Disertori
La realtà nelle parole
I racconti delle fate sapienti
Dieci decimi
FAQ Domande e risposte sulla narrazione
Liberare il futuro
Cura
Vincenzo Rabito - Terra matta
Traduzioni
Tom Stoppard - Rock 'n' Roll
Sam Savage - Firmino. Avventure di un parassita metropolitano
La lucertola color smeraldo
Anticipazione
La storia di Vian
(2/3)
Un silenzio insopportabile, che spacca in due la stanza, e lei che, a un tratto, sussurra: – E allora?
– Senti, meglio che me ne vada. Ho sbagliato a...– Sono io sbagliata, – si volta verso la finestra. Con un colpo, come trattenuto, chiude le persiane, e poi le stecche, che fanno resistenza, lasciano filtrare incendi piccoli di luce, contornano di rosso le sue dita che si muovono inquiete. Torna a girarsi. Poggia una mano sul braccio di lui. – Ti prego, – inghiotte tutto quel respiro che ha dentro, s'avvicina ancora un po', mette le sue labbra sulle labbra di Vian. – Ti prego, – le schiude, sente quella pelle screpolata di piccole croste grattarle le labbra, poi aprirsi come un foro, le labbra di Vian farsi umide e morbide, incresparsi appena, Vian sussurrare: – Non ti faccio male, vero? – attendere che lei scrolli piano la testa, poi lasciar scivolare dentro la sua bocca la lingua come fosse fiato, farla scorrere sullo smalto dei denti, mentre lei già abbandona la testa sulle mani di Vian, che la tengono, la reggono proprio da dietro la nuca, la destra «a coppa» sulla sinistra, e la sinistra che preme dolce con due dita sui capelli, muovendosi lenta, seguendo il ritmo, appena cadenzato, della testa di Vian, che si piega un po' indietro come a bere a piccoli sorsi, inspirare, quel suo gran respiro, e dopo un po' restituirglielo nuovo, con al fondo un respiro più aspro, o forse troppo dolce, che sa come di ferro, di sangue... con la lingua gli sfiora le piccole ferite aperte sulle labbra, mentre già sente la schiena piegarsi, toccare la superficie morbida del letto, abbandonarsi, e le mani di Vian carezzarle, lievi, le scapole, indugiare sulla pelle tesa e cava, tra le scapole e il collo, muoversi come a millimetri, – Non ti faccio male, vero? – No, – sulla curva del seno, sull'arpeggio appena segnato sottopelle delle costole, sull'addome che digrada liscio, mescolate a respiro e saliva, sul ventre, che, a un tratto, si contrae, mentre lei già gli cerca la mano, che però non si ferma, continua a scivolare, poi le dita di lei che si stringono sul suo polso, sulla fronte, a cercare gli occhi e chiuderli proprio. – Ti prego, Vian! – E lui torna di nuovo su, un grumo di paura a gelargli lo stomaco, sudore salato sugli occhi che... vibrano disperati, la interrogano, e lei gli accarezza di nuovo con due dita la guancia, che è come cartilagine, una cosa fragile, ancora più fragile...
top     << 2/3 >>
La lucertola color smeraldo
Voce recitante
Gabriella De Fina
Musica composta
ed eseguita da

Giuseppe Milici
Privacy Policy